CHIESA DI SANTA MARIA DI LORETO A MOLA DI BARI: TRA ARTE E SPIRITUALITA’

Ubicata alla periferia di Mola, prospiciente il mare, si erge la bellissima chiesa di Santa Maria di Loreto.

Uno dei principali luoghi religiosi e di aggregazione della città, l’edificio è stato costruito nel 1588 e si presenta con un semplice prospetto a capanna, caratterizzato da un pregevole rosone centrale in pietra calcarea con impronta rinascimentale e sul fianco sinistro dal maestoso campanile in pietra, alto circa 50 metri, in stile barocco.

Sull’architrave del portale è incisa l’invocazione: Lauretana Maria esto nobis dux et via -1588 (O Maria di Loreto sii per noi guida e via). Oggetto del culto e devozione popolare è l’immagine della Vergine nella Santa Casa che regge il Bambino che con in una mano regge il globo, noto come dipinto della Madonna di Loreto.

Attualmente l’edificio consta di tre navate con abside e cupola. L’interno è dominato dal seicentesco altare maggiore in legno dorato intagliato su fondo verde, recante l’immagine della Madonna con Bambino benedicente, dipinta ad olio su tela. L’altare della Natività, in fondo alla navata destra, presenta un presepe in pietra di scuola pugliese.

All’interno della parrocchia è conservata anche la statua della Madonna dell’Altomare, punto di riferimento non solo per i marinai della città, ma per l’intera comunità di fedeli.

La Chiesa di Santa Maria di Loreto rappresenta, infatti, il centro della devozione e la sede del comitato organizzatore della festa annuale in onore della Madonna d’Altomare nella prima domenica di luglio.

Una devozione popolare riconosciuta ufficialmente nel 1948 dal sacerdote D. Giuseppe Buonsante, rettore della chiesa e professore nella vicina Scuola Marittima, il quale propose e realizzò la processione con la statua della Madonna, parte in mare e parte su terra ferma.

Un rituale sospeso nel 1968, ma che riprese vita nel 1988, quando la Parrocchia, in occasione del quarto centenario della costruzione della chiesa, chiese al Vescovo il permesso di ripristinarla. Il Vescovo lo concesse ad esperimento per un anno; ma l’esito fu così positivo ed incoraggiante che si ottenne l’autorizzazione a continuare.

Da allora, con grande gioia ed orgoglio, i primi sabato e domenica di luglio la marineria molese festeggia la “Madonna d’Altomare”, invocata a protezione del faticoso e rischioso lavoro sul mare.

Lo stesso campanile assume la forma di un faro che indica la rotta ai marinai e costituisce come un segno di orientamento spirituale per tutta la gente di mare.

In occasione della festa della Madonna d’Altomare, la domenica mattina la Sacra Effige è portata in processione sul porto, dove viene imbarcata su un tipico peschereccio, al quale si sussegue uno spettacolare e suggestivo corteo in mare che vede la partecipazione di centinaia di imbarcazioni imbandierate e festanti a corolla della statua.

VisitMoladibari ti consiglia di visitare questo storico luogo sacro tra arte e spiritualità.

 

VisitMoladibari, la Puglia non è mai stata così bella!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leave A Comment

Your email is safe with us.